saluti

Credibili i ragazzi e le loro mani che salutano fintamente nella scena di un film. Potrebbero essere quelli che siamo stati o chi, per noi, è adesso. They wave and go. Poi cala il sipario, il regista si allontana, parte la musica della sigla finale. Si volta pagina e si aspetta di leggere la successiva, […]

Read More saluti

verso le foglie morte

Io lo so che oggi, con lui, c’eri tu. Me l’ha detto una folata di vento, discreta fra i capelli che proprio non vogliono saperne di stare in ordine. Ordine: parola dalla cento accezioni. Ma divago, divago. Me l’ha detto il vento in persona, soffiando da nord est. “Lui era con lui”. Erano insieme, le […]

Read More verso le foglie morte

l’orticaria

La luce azzurrognola del monitor illumina il mio viso pallido e una striminzita porzione del tavolo in terrazza.La serata è appena fresca, piacevolmente fresca.Tutto, intorno, sarebbe quietamente perfetto se la voce alla mia sinistra non continuasse a blaterare di vicende di altre ere, alterandone parole e senso.Non reagisco, non rispondo.Non sono solita sparare contro la […]

Read More l’orticaria

arrivederci

Ciao, te ne sei andato in silenzio dopo averci salutati uno per uno, con quel filo di voce che ti era rimasto. Poi il vuoto intervallato dal tuo respiro stentato, aiutato dall’ossigeno. E nessuna paura, nessuna impressione: eri e sei il perno della mia vita, l’unico uomo che abbia mai amato, scomodo termine di paragone […]

Read More arrivederci

l’ascolto

Soli. Nessuno ci ascolta, penetrando con lo sguardo l’anima. La testa dell’interlocutore di turno si sofferma brevemente, gli occhi fingono un interesse che non c’è. A volte simulano bene, però l’anima “sente”, e allora si smette di parlare, spesso di botto. Le piante e gli animali sanno essere confessori di spessore; ce ne rendiamo conto […]

Read More l’ascolto