lei, lui, l’aria

Lei non ama le feste; non le ha mai amate davvero.

Troppi ricordi agrodolci nel suo fardello di buone intenzioni con date di scadenza regolarmente disattese.

Quest’anno, poi, le ama ancora meno.

Lui vive da un’altra parte, con altre persone intorno.

Probabilmente finge un interesse che non ha. Recita un sentimento che non prova.

Si arrampica sugli specchi – a lei pare – in una specie di gioco funambolico che farebbe ridere, se non fosse intrinsecamente crudele; e lei non ha più voglia di scherzare. Soprattutto sulla pelle della gente. Soprattutto sulla sua.

Ha abbozzato, ha finto di credere alle parole bugiarde, disponendosi, stavolta, ad un ascolto di tipo limitato.

Parli pure, dica e racconti; annuirà, tanto al telefono le espressioni non sono rilevabili.

Le sovviene che l’indomani è la befana (sì, dice a suo padre col pensiero, deriva da epifaino, anche se il greco lo ricorda poco).

Tanti sei gennaio le sfilano davanti come soldatini di una collezione abbandonata all’abbraccio della polvere.

I primi, quelli di mezzo e gli altri, testimoni del Disincanto.

Si passa una mano su un ciuffo di capelli che non vuole saperne di stare al suo posto. Lo incastra fra l’orecchio sinistro e la stanghetta degli occhiali, porta il telefono sul lato destro della testa e annuisce, con un sorriso amaro, al suo uomo in fuga.

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link http://carbonaridellaparola.blogspot.it

Annunci

imparare

Fotografie-bianco-e-nero-42

Mi capita spesso di riandare indietro nel tempo, alla ricerca di quei momenti, anche lunghi, che mi avevano fatto credere che la vita fosse sempre entusiasmante e meritevole di essere vissuta.

Abbagli, forse.

Ingenuità datata, contaminata appena dalle sberle che la vita suddetta distribuisce equamente, con esemplare generosità.

Potrà sembrare anche paradossale, ma cullarsi nell’atmosfera di certi periodi passati è rinfrancante: almeno fino a quando non diventa una sterile abitudine fine a se stessa.

Mio figlio, venticinque anni, ha deciso di continuare a studiare all’estero e di rimanerci per cercare e trovare lavoro.

Non è che per me sia stata una sorpresa; ho sempre intuito che avesse estremamente a cuore la sua indipendenza e, ad onor del vero, mi sono sempre adoperata affinchè non si sentisse mai prigioniero dell’ambiente protettivo in cui è cresciuto.

Rimanere saldamente ancorati alle proprie, deboli certezze è come fermarsi su un binario morto senza essersene accorti veramente.

Così oggi pago lo scotto di vederlo poco, ma di saperlo sereno e in pace con se stesso anche se ad oltre duemila chilometri di distanza da me.

Ho voluto questo per la sua indipendenza psicologica, emotiva, forse anche affettiva, seppur in un certo modo.

Gli errori personali sono ottimi maestri.

Se avessi provato a tarpargli le ali mi sarei sentita esattamente come quando, nel periodo pleistocenico, fu deciso che avrei studiato in collegio.

A undici, dodici anni di allora non avevi la consapevolezza di ciò che ti sarebbe potuto toccare in sorte.

Di quegli anni bui ricordo soprattutto i cortili interni con giganteschi alberi di magnolie, e il nostro ingenuo giocare a “campana” durante i pomeriggi tardo primaverili, pregustando la gioia delle vacanze imminenti.

Tempi lontani, cioè acqua passata da tanto.

Le esperienze insegnano: io ho imparato a imparare.

 

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger,  partecipanti  a “Verba Ludica”, link http://carbonaridellaparola.blogspot.it

il gioco

ado

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caro amico mio, anche se amico mio non sei stato mai,
di te serbo ricordi abbastanza confusi, e quel che rimane ancora nitido, a dispetto degli anni, ha un brutto sapore.
I nostri babbini erano grandi amici, ma tra noi due non c’è mai stato verso, e non per colpa tua.
Ricordo una serata paleolitica alle giostre: la mia faccia da bambina insolente di fronte ai tuoi occhi bovini, che lasciavano intravedere strane voglie che mai, mai avrei accolto.
Caspita: avevo solo tredici anni, ma ne avessi avuti trenta la sostanza non sarebbe cambiata.
Mentre giocavi a fare il casanova, sfoggiando con maestria il tuo rituale obiettivamente muffo e un tanto ridicolo, io continuavo a fronteggiarti a testa alta, col berretto azzurro indossato alle ventitre.
Forse era carta da zucchero, forse blu cobalto.
Di certo io ero insolitamente querula, ripetendo fino al tuo sfinimento che ero piccola, e che certe cose erano molto lontane da ciò che, allora, potesse mai legarmi ad un ragazzo.
Educazione, vita in collegio (lo ammetto, spesso ho pensato che sarebbe stato meglio morire), regole ferree e ferrei princìpi.
Cosa ti aspettavi?
Ci siamo persi, come accade spesso, ma quando ci incrociamo hai sempre l’aria tronfia da duro che non deve chiedere mai, oltre che da inveterato piacione.
Ed io, fatalmente, divento stronza.

 Paolo Nutini – Rewind

“Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti.  

Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link

il colpo in canna

pistola

Si voltò piano, con il fascio di rose bianche tra le braccia, interrogando se stessa inutilmente: nessuna provvidenziale intuizione, nessuna rassicurante certezza.
Le sistemò in un vecchio vaso sbreccato, attenta a tirar su la carta crespa rosso fuoco.
Si allontanò di pochi passi, camminando all’indietro: il povero vaso era tornato a vivere gli antichi splendori, seppur per una breve stagione.
Spense il cellulare, staccò la cornetta del telefono fisso: non avrebbe sopportato parole intruse, sbriciolate come il pane dei piccioni.
Sprofondò nella sua poltrona preferita, ripassando a memoria gli insulti e le cattiverie a buon mercato.
Si rialzò dopo poco e aprì il frigo per bere un bicchier d’acqua, con gli occhi fissi sull’anta malmessa della dispensa.
– Devo ricordarmi di chiamare il falegname- finse di pensare, e spense la luce.

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti. Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link:   http://carbonaridellaparola.blogspot.it/

muffa

muffaccia

Sul tavolo della cucina c’è qualcosa che puzza: forse il contenuto di un barattolo.
Apro: il sugo di pomodoro presenta una patina verdastra – gran brutto vedere – segno dell’ormai altarata omeostasi chimica.
“All’anima sua”, penso irritata.
Tempo due giorni, il mio sugo è andato a male.
A male come tutte le cose che si consumano in sordina.

“Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti.  

Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link

I beg your pardon

bestioles-canettes-1In ritardo, se colpevole o innocente non è dato sapere.
Sono in ritardo e mi affanno dentro, disposta ad arrampicarmi sui telai di scuse che intesso ogni giorno per proteggermi dagli Altri.
Cerco di stabilire quale possa essere la giusta distanza fra loro e me: quella che faccia sentire tutti al sicuro, in un piccolo posto fiabesco connotato da chiarezza, ordine, pulizia.
Se ci penso bene ho scavato fossati molto a lungo, e ho affilato lame come un arrotino folle, pur sapendo che non le avrei usate mai.
Decidere di fare un passo avanti, o due o tre, è già qualcosa, un inizio, una speranza.
Speranza è una parola con un significato che pesa come piombo.
Fatico a pronunciarla così come fatico a dire CocaCola senza inciampare nella mia piccola, sempiterna balbuzie mentale.
Non me lo spiego ma l’ho accettato e, magari, ordino altro.
Una birra, un succo di frutta con gin, una neve di latte corretta.

Peter Gabriel – Excuse me

“Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti.  

Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link

pensieri come soffici, silenziosi fiocchi di neve

street-art-paris-ufunk-06-610x813Che cosa c’è di sbagliato nella solitudine?
I commenti piovono un po’ a caso.
Ognuno scrive ciò che pensa davvero, o che ritiene giusto in “quel” momento.
D’altronde dogmi non ne conosco, e se me ne sovviene uno lo casso per principio.
La vita mi ha insegnato a non avere certezze: io mi sto allenando a convivere con questo precetto di difficile assimilazione.
Ammetto di avere un carattere ostinato che, a volte, provo a modificare senza eccessivo impegno.
Ammetto di aver appena ammesso che mi contraddico, perchè dogmi e ostinazione vanno a braccetto, ma tant’è.
Troppa introspezione uccide, e su questo potreste scommetterci.
Ti accartocci su te stesso e incominci ad analizzare, ogni volta daccapo, le possibili origini e le cause della tua vita attuale, considerata come prodotto di accadimenti che ti scorrono nella mente in sequenza.
Come sempre.
Esercizio sterile, perchè ad un certo punto il disco si incanta e tu torni al punto di partenza, come se t’avessero gettato addosso la più cattiva delle maledizioni.
Ti rimane intorno il silenzio di sempre, quello che hai coltivato come la più rara e preziosa delle piante di serra.
Lo contempli, ormai tangibile, oltre la parete trasparente, ma sporca, dei tuoi preconcetti acquisiti.
Lo guardi e quasi te ne fai vanto, senza renderti conto di aver lavorato alacremente per costruire un fossato fra te e gli altri.
A volte, e questo lo affermo a ragion più che veduta, la mente stessa è in grado di produrre convincimenti che inevitabilmente portano a comportamenti standard.
Mediati, com’è logico che sia, dai temperamenti e dalle personalità, ma potenti nelle spinte verso scelte a volte fatali, quasi come se ci si fosse fatti aiutare da sostanze estranee.
Che adesso vi dica di extasy o altro è irrilevante.
Credo nel potere che tutti abbiamo dentro di noi: un mondo che molti non conosceranno mai.
Peccato.

 Eric Clapton – Got you on my mind

“Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti.  

Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link