provincia

  Quando sei in auto guardi avanti, di norma, ma se posi lo sguardo altrove, anche solo per un attimo, può accaderti di vedere brandelli del tuo passato fluttuare nel vento freddo di una sera di gennaio. Lei è ferma sul marciapiede, in attesa del verde. E’ esattamente come la ricordavi: stesso taglio, stesso modo […]

Read More provincia

un quarto d’ora

  Magari un quarto d’ora di tempo del mio del tuo tempo del tempo di tutti e di nessuno magari un quarto d’ora potrebbe far la differenza. E un angolo acuto penetrarti colpir le parti molli farti sanguinare lacrime e veleno. Quindi corri vai via scappa scappa lontano da occhi e sorrisi assassini. In un […]

Read More un quarto d’ora

oblivious

    Donna, uomo. Ho perso, hai vinto, oppure mi sono sbagliata e la “verità vera” non la conoscerà mai nessuno. Attraverso la strada e sono furibonda: se mi puntasse il mirino di una Mercedes non me ne accorgerei. Tanto non credo nemmeno all’aldilà: pensa che bello. Tutto sembra così difficile e assurdo: un puzzle con […]

Read More oblivious

memento

  Quando ad un’immagine ne sovrapponi un’altra a caso, venuta fuori spontaneamente dal calderone dei ricordi compressi nella memoria, allora vuol dire che son partiti, da soli, i meccanismi di autoriparazione. Che il cuore sta smettendo, pian piano, di battere a vuoto, o di trasmettere la sensazione che sia così. La sua immagine. Le loro […]

Read More memento

le spie

  Talvolta accade di convincersi che qualcosa possa, anzi debba essere propedeutica ad un’altra, di solito più importante. Epocale, quasi. Negli anni in cui sono stata male, e vedevo la mia autonomia fisica scemare di mese in mese, non riuscivo tuttavia ad accettare l’idea di  tornare sotto i ferri. Finchè ci son dovuta andare, perchè non […]

Read More le spie

gennaio

  Di solito non prego, nel senso che non prego più. Stasera sono stata a messa per il trigesimo di mia zia, ma sono un pesce fuor d’acqua: l’ho fatto per lei, che non c’è più, e per i miei cugini, ai quali voglio bene. Anche per mio zio, che  non ha mai perso il […]

Read More gennaio

preghiera agnostica

                        Signore, manda un segno cane fantasma cenno indistinto. Siamo forti nella forza richiesta da momenti cruciali poi esseri indifesi soli persi in un mare sporco vetroso quasi nemico. Signore io non ho scommesso su di te io ragiono e ragionando mi perdo. Signore […]

Read More preghiera agnostica

il suono del silenzio

  Nella vita si vince: più spesso no. Dover rinunciare ad un sogno non fa male solo ai bambini, anche se noi adulti siamo sufficientemente provati dalle traversìe che ci accompagnano durante lo scorrere del tempo. Alla fine ognuno trova la sua isola più o meno felice: il lavoro, un interesse molto intenso, l’amore. Io […]

Read More il suono del silenzio

equilibri

  Riflettevo: tutti auspicano il famigerato “lieto fine”, ma cosa c’è di più stucchevole e noioso di “e vissero felici e contenti”? Non ho molte certezze, pur avendole invocate  in ogni ambito dell’esistenza. Fino a rendermi conto di non essere nata per morire con i remi tirati in barca, o una calza fra le mani […]

Read More equilibri