carissimo maestro…

Caro maestro, a volte mi capita di pensare al tempo vissuto insieme, quando la speranza di costruire era autentica e sentita. Checchè abbia finto di pensare tu, checchè abbiano finto di pensare i novelli inquisitori che, dipendesse da me, se ne andrebbero tutti a zappare allegramente: almeno lavorerebbero, e pure all’aria aperta. I ricordi sono […]

Read More carissimo maestro…

percorsi

Santa Fantasia, portami via da queste luci studiate con arte indiscussa ma triste. Allontanami dalle melodie moderne ed antiche insieme: quelle che  prendono il cuore e lo scaraventano lontano galassie, sì che io abbia serie difficoltà, poi, a riappropriarmene. Non che sia fondamentale: c’è sempre il tempo in cui ci si scinde da una parte […]

Read More percorsi

apertis verbis (scritto nel 2010), decidendo di migrare altrove (adesso)

Alla fine, dopo anni di parole, è come girare intorno a se stessi. Non c’è aspetto, di noi, che non sia stato offerto volutamente in pasto: agli amici, quale dono sincero e spontaneo, e agli avventori occasionali, incuriositi o distratti. Io mi capisco bene, ormai, dopo anni di convivenza conflittuale con la piccola folla eterogenea […]

Read More apertis verbis (scritto nel 2010), decidendo di migrare altrove (adesso)