sabato 20 febbraio, ultimo scorso

Ultimo accesso alle ore 23,20: la scritta scorre implacabile dopo un breve cyber scambio di pensieri del quale vorresti estrarre il succo, se un succo ci fosse. La lontananza annienta le buone intenzioni, almeno sulle lunghe distanze: ogni giorno ci si ripete un piccolo copione le cui battute, grosso modo, sono sempre le stesse. E […]

Read More sabato 20 febbraio, ultimo scorso

a che serve volare?

Ogni santa volta, alla presunta vigilia di uno sbaglio epocale, mi interrogo a lungo sull’opportunità di andare avanti come un panzer, o di fare una decina di passi indietro. Inevitabilmente finisco per scegliere la strada apparentamente più semplice e immediata, sapendo già che mi pentirò, che mi automaledirò, che mi darò della cogliona almeno un […]

Read More a che serve volare?

floating

E’ dolce andare lentamente alla deriva, dà quiete e serenità. La costa si allontana piano mentre si accendono le prime luci della sera. Quand’ero più giovane e matta uscii di casa nel cuore della notte, con un materassino sotto il braccio. Avevo addosso un vestitino estivo leggero, a righine bianche e celesti. Per strada un […]

Read More floating

momenti delicati

In questi giorni è impazzata, e ancora impazza, la feroce polemica su chi trova giusto che le coppie omo abbiano gli stessi diritti civili e familiari delle etero. Comunque la si pensi, si sono usati toni da mercato rionale, sia da una parte che dall’altra. I diritti civili di ognuno sono sacrosanti; essendo io, d’altronde, […]

Read More momenti delicati