Scrivere about shit non é reato

Io (mai piacevole esordire così) ma io accarezzo le squame e le spine cioè la mia pelle che l’altro vede bella liscia di seta che profuma accarezzo ferendomi le mani le squame e le spine concentrata sull’anima nera accarezzo distratta la mia pelle fra la  vita e quello che si agita lontano. Theory of a […]

Read More Scrivere about shit non é reato

angoli

Un angolo insignificante per gli occhi distratti che si posano come insetti intemperanti. Un angolo insignificante (forse) un angolo incide la vita in superficie ma tocca l’anima. Un’anima. Una sola. Dream Theater – Only a matter of time

Read More angoli

Suono onomatopeico di un soffio

La vita è breve: a volte solo uno sbuffo scocciato. Chi conta, e cosa conta? Opinioni, solo opinioni dettate dallo stato d’animo del momento. Addicted, sometimes. Consola avere intorno gli affetti veri: quelli di sempre. Quelli che, piuttosto che farsi scappare una gaffe sui tuoi punti deboli, si farebbero tagliare la lingua. Io mi son […]

Read More Suono onomatopeico di un soffio

C’era una volta

Semplicemente…esisto. A volte la sensazione è tanto netta quanto incredibile. Esistere mentre si pensa, si soffre, si continua a mantenere attiva la macchina perversa dei ricordi. Eppure esistere a “mezza pensione” è non esistere. Non completamente, pienamente, intensamente come si vorrebbe. E’ solo sopravvivere: nè più, nè meno. Nuotare in superficie, annaspando ma non sempre, […]

Read More C’era una volta

Dang dang doko dang

In uno spazio piccolo per mio volere sbong irto di spine e  pericoli incombenti mi accuccio sul mio corpo scarno sbong simulacro di un’opulenza svanita mi accuccio ascoltando i rintocchi del cuore sbong pensando a un fantasma impudìco e al cerchio di fuoco che battezzerà la mia carne. Anathema – Hope

Read More Dang dang doko dang

Solitaria

Le mie albe sono figlie di notti insonni: senza visitazioni oniriche. Gli occhi si spalancano all’improvviso e, dopo un po’, a fare compagnia ai miei pensieri arriva il canto di un uccello che saluta il buio, e annuncia l’incognita di un nuovo giorno. Mi rendo conto di essermi assopita sul margine estremo del letto, rischiando […]

Read More Solitaria