tanti auguri: save the habit

Sussurrato come una runa celtica, ciclico come l’alfa, l’omega e poi di nuovo l’alfa, implacabile come una valanga di neve, ed una di ricordi. Signore e Signori, il Natale è qui. Nel mio fardello tante luci colorate, e le ghirlande che mettevamo intorno al collo come stole. Le palline che andavano in frantumi (un’ecatombe ogni […]

Read More tanti auguri: save the habit

certi esami

Che cosa possiamo fare, più di quel che abbiamo fatto? Più di ciò che abbiamo fatto veramente, al di là di sensi di colpa autoprodotti o ispirati (che poi, a voler distinguere, si farebbe una fatica boia). Essere a posto con la coscienza non vuol dire, necessariamente, essere sereni. La serenità è merce rara: puoi […]

Read More certi esami

sogno di una lontana notte di mezza estate

Ah, l’amore… Qualcuno, canzonettando, lo definiva “folle sentimento”, ai tempi in cui si campava tutti sull’arte e le spalle di Mogol e Battisti. Un bel ricordo, tutto sommato, anche se il passare inevitabile del tempo immalinconisce e rende sempre più consapevoli delle prossime fermate. O, magari, dell’ultima. Indulgo spesso nel crogiolarmi rimembrando quel che fu, […]

Read More sogno di una lontana notte di mezza estate

e allora mambo

Lo conosco, quel verso d’uomo rassegnato, quel voler riassumere in un suono gutturale “sì, mia cara, è così e non ci si può far niente”. Lo conosco e non mi piace: è resa, abdicazione, abbandono. Piuttosto che assimilarne il senso preferisco non ascoltare, evitare, provare a darmi alla macchia. Cacofonia allo stato puro: un suono […]

Read More e allora mambo