i cipressi

Che faccio: cambio la carta da parati oppure inizio ad infilare in casa qualche oggetto nuovo? Pensavo che questa casetta virtuale è ridiventata noiosa e stitica. Vorrei parlare di amore, come fanno mirabilmente molti (più che altro molte) di voi, ma non ci sono portata. Finite le strazianti lamentazioni che qualcuno, forse, ricorda ancora, in […]

Read More i cipressi

suggestioni

   Notte insonne: occhi sbarrati ad aspettare l’alba guardando le vetrate del soggiorno. Sono riuscita anche ad attorcigliarmi nel filo degli auricolari dell’ipod: girandomi su un fianco, sull’altro, mettendomi prona e supina. Senza sosta. Solo poche ore fa cuor di leone parlamentava dalla sua stanza (ed io gli rispondevo dalla mia). – Il professore di […]

Read More suggestioni

deep

  “Sarà la musica che gira intorno, quella che non ha futuro, sarà la musica che gira intorno, saremo noi che abbiamo nella testa  un maledetto muro”. Una canzone, un ritornello insistente, un’idea che il subconcio propone e continua a proporre, senza soluzione di continuità: bisognerebbe arginare il flusso malefico dei pensieri. L’attività fisica mi […]

Read More deep

bocche di rosa

        Riflettevo sul bombardamento “Parolisi” da parte dei media. Siccome alcune mie serate vuote si schiantano contro la tv, “chi l’ha visto?” ha portato alla luce, novello parto distocico, un caso analogo alla vicenda della quale stiamo sentendo dire da ben sei mesi. Una donna tradita scompare. Il marito (fedifrago) nega di aver mai […]

Read More bocche di rosa

acque profonde

  Mi piacciono le piscine con le gradinate ed il parquet. Quelle con l’orologio grande, come nelle stazioni, in modo che lo si possa vedere da una parte e dall’altra. E mi piace la musica di sottofondo,  senza schiamazzi. Pro e contro. Oggi devo farmi bastare un’onesta piscina di provincia. Pulita, ma manchevole qua e […]

Read More acque profonde

strike

Mamma-donna mette in moto, accende la freccia a sinistra ed esce dal parcheggio, guardando suo figlio nello specchietto retrovisore: un breve cenno con la mano ed il ragazzo svolta. Mamma-donna affronta il traffico della città nell’ora di punta, ma è serena: ascolta il Liga e pensa che sì, è vero: l’amore conta. Esce dal centro […]

Read More strike