fenomenologia dei social, che di sociale hanno ben poco

Sono in rete da un numero sufficiente di anni per potermi permettere il lusso di affermare che ho compreso perfettamente certe dinamiche di approccio che, molto spesso, sono e restano relegate ad una dimensione virtuale. In principio erano i blog, nel periodo in cui raggiunsero il loro massimo splendore. Blog “a tema”, oppure semplici, ma […]

Read More fenomenologia dei social, che di sociale hanno ben poco

l’Ombra

La mia immagine è quella di un piede che sta per calpestare un fiore: non so se sono il piede, non so se sono il fiore. Forse rivesto entrambi i ruoli: vittima e carnefice di me stessa e di ciò che non posso controllare. Siamo fragili, sottili fogli di cristallo in balìa di quel che […]

Read More l’Ombra

civitavecchia

Stamattina il cuscino aveva striature di colore scuro: forse nel sonno ho pianto. Non lo faccio quando sono sveglia perchè non ci riesco, sembrandomi, le lacrime, spreco di tempo e di energia. L’esser vigile mi impedisce di lasciarmi andare a sfoghi di donne fragili. Beate loro. Io genero ansia e covo pensieri neri come corvi. […]

Read More civitavecchia

e allora mambo

Lo conosco, quel verso d’uomo rassegnato, quel voler riassumere in un suono gutturale “sì, mia cara, è così e non ci si può far niente”. Lo conosco e non mi piace: è resa, abdicazione, abbandono. Piuttosto che assimilarne il senso preferisco non ascoltare, evitare, provare a darmi alla macchia. Cacofonia allo stato puro: un suono […]

Read More e allora mambo

la breve vita dei fiori

Ti ho visto spuntare dal nulla, timoroso, sfidando la pioggia battente e i tramestii. Sei cresciuto quasi all’improvviso: sei cresciuto succhiando la mia forza vitale senza sapere di farlo. I fiori, quelli più fragili e belli, diffondono attorno la meraviglia dei loro colori, regalandone la gioia e il senso di effimero. Quanto dura la vita […]

Read More la breve vita dei fiori

a volte non so difendermi

  Non è che dieci minuti di zapping riescano a cambiare le cose. In tv c’è l’uomo stucchevole che interpreta sempre il paparino buono ma molto sfigato: generalmente vedovo, o piantato in asso. In certe storie non ci si riesce ad indentificare, nemmeno con un volo di fantasia degno del più spericolato acrobata mentale. Poca […]

Read More a volte non so difendermi