i corvi

Evidentemente non devo essermi ripresa del tutto dal volo in coppia di lunedì sera. Oggi i miei mi hanno chiesto di andare a pranzo da loro, visto che conoscono i miei gusti alimentari. Ero in farmacia a chiedere informazioni su un nuovo farmaco che si ritira su ordinazione e costa un botto. Poi in banca, a […]

Read More i corvi

il ragazzo dei treni

C’era una volta l’estate. Sì, lo so, arriva ogni anno, ma quella del 1975 c’è stata una volta e basta. C’era anche una località balneare: piuttosto un paesello capitato sul mare per caso. C’ero una volta anch’io e questa frase è  credibile perchè, nel tempo, mi sono persa. Insomma c’era l’estate del ’75, il paesello marino, […]

Read More il ragazzo dei treni

la vita che continua

Che bello, stasera, salutare al telefono Massimo e Angelo, due amici di mio figlio che vivono a Bonn e a Colonia. I papà di questi ragazzi sono cresciuti con noi, ma solo d’estate, visto che i genitori si erano trasferiti in Germania. Giusto il tempo di far nascere Antonio e Luciano in Italia, o poco più. […]

Read More la vita che continua

le stagioni della vita

Se sei al mondo da abbastanza tempo finisci per conoscere l’andamento delle faccende umane. Ognuno di noi si porta dentro ferite, anche molto antiche, il cui ricordo ha marchiato la nostra psiche indelebilmente. C’è chi fa spallucce o, peggio, deride questo modo di pensare, ma (io) rimango fermamente convinta del fatto che il passato continua […]

Read More le stagioni della vita

il vento sul viso

Nel tempo ho imparato ad ingoiare le delusioni così come butto giù le compresse che assumo ogni giorno. Nemmeno un sorso d’acqua, a volte. Non è facile, ma si può tenere a bada qualunque novità che potrebbe sembrare una ventata di aria fresca: nel novantanove per cento dei casi non lo sarà. Questione di statistiche, […]

Read More il vento sul viso

carissimo maestro…

Caro maestro, a volte mi capita di pensare al tempo vissuto insieme, quando la speranza di costruire era autentica e sentita. Checchè abbia finto di pensare tu, checchè abbiano finto di pensare i novelli inquisitori che, dipendesse da me, se ne andrebbero tutti a zappare allegramente: almeno lavorerebbero, e pure all’aria aperta. I ricordi sono […]

Read More carissimo maestro…

no way back

A volte non capisco perchè ci affanniamo tanto, perchè lasciamo che il cervello si fonda alla ricerca di soluzioni che consentano una specie di sopravvivenza accettabile. Non so bene degli altri, mi confronto spesso e ho la sensazione di essere in una gigantesca giostra come quella dei criceti: solo infinitamente più grande. E di essere […]

Read More no way back